La misericordia dell’India

Felice che Massimiliano Latorre possa tornare per qualche tempo in Italia, per curarsi e sentire l’affetto dei suoi, e della sua gente. Ma so che un cruccio doloroso più di ogni altra complicazione medica lo accompagna: lascia a Dehli Salvatore Girone. E questo fatto, da solo, vale più di ogni altra garanzia scritta: o l’imbelle classe politica italiana riuscirà in questi quattro mesi a riportare a casa anche Girone, o Latorre tornerà a dividere con lui la cattiva sorte. Non è stato un colpo di scena, quello della licenza sanitaria a Latorre. Il governo indiano di Narendra Modi, che l’informazione italiana aveva descritto con toni catastrofici, ha fatto quello che era lecito aspettarsi in una vicenda nata nel vecchio partito di governo, il partito del Congresso di Sonia Gandhi: è stato pilatesco.
Non era affar loro, e il buon senso, davanti a un pasticcio di una giustizia incapace di arrivare a un processo con prove costruite a malo modo, ha portato il governo a ripetere quel che Narendra aveva detto a Renzi: è una questione che riguarda la giustizia indiana, non il governo. Lasciando con il cappello in mano tutti i buoni propositi del terzo governo italiano ad occuparsi maldestramente della questione: “deve essere rispettata l’immunità funzionale, non può essere la giustizia indiana a giudicarli, ricorreremo a un arbitrato, però cerchiamo un canale di dialogo con il nuovo governo indiano…”. Parole tante, fatti zero. L’arbitrato richiede tempi lunghi, ma passi certi, e un segno di rottura che obblighi la comunità internazionale ad occuparsene, per risolvere un contenzioso altrimenti irrisolvibile. Così, il destino ha voluto che quella giustizia indiana, respinta a parole, ma mai investita da una strategia difensiva che facesse dell’innocenza dei due marò un punto forte e decisivo, vedesse stamane gli avvocati difensori invocare una sorta di clemenza, un atto di generosità verso un indiziato che, al contrario, è vittima di una montatura cui giustizia indiana e italiana, classe politica indiana e italiana, vertici militari indiani e italiani dovrebbero delle scuse. In questo mondo alla rovescia l’unico sorriso, ma amaro, viene dalla garanzia scritta che l’ambasciatore Daniele Mancini ha dovuto fornire alla corte sul rientro di Latorre, al termine dei quattro mesi.

L’ambasciatore che era stato consigliere diplomatico del ministro Passera, tra i protagonisti dell’infausto rientro in India dei due fucilieri di marina, l’ambasciatore che si era visto minacciare una sorta di limitazione della libertà se i due non fossero rientrati, l’ambasciatore che li ha mal sopportati in ambasciata richiedendo persino un rimborso di qualche centinaio di euro per i danni causati dalla biancheria dei due stesa ad asciugare su qualche rete di recinzione. Sognava di essere il diplomatico del business tra la rampante India e l’Italia delle commesse, gli tocca firmare garanzie, invece che contratti.

Non a tutti i protagonisti della vicenda è andata così male, se sono vere le voci che danno l’ ex ministro della Difesa, ammiraglio Di Paola, candidato al vertice di Finmeccanica. E gli altri grandi nomi, in questa galleria degli errori e delle incapacità? Hanno quattro mesi di tempo. Inizia un conto alla rovescia: quattro mesi di tempo per riportare a casa anche Girone, e senza bisogno che si ammali. C’è una parola d’onore data all’India ? Certo, ma c’è anche l’onore di due vittime innocenti, e quello di quel che resta di questo nostro Paese. Tutto vorremmo, meno che fra quattro mesi l’ultimo a difendere quest’onore fosse Massimiliano Latorre, consegnandosi all’abbraccio di Girone, e non lasciandolo indietro.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

5 risposte a “La misericordia dell’India

  1. Quella dei due marò è una vicenda che trovo talmente degradante per mè che sono italiano e non perché odìì l’india o i due pescatori,vittime di un incidente avvenuto in circostanze ancora oggi tutte da avvalorare con prove o testimonianze certe!.Certamente la verità verrà fuori ma i due fucilieri hanno dovuto reagire in base alla situazione presentatasi davanti a loro,però quello che trovo assurdo è il poco valore della parola di questi due soldati sìì ma uomini poi!.Quindi nessuno è perfetto e non giustifico l’accaduto però non credo si stia facendo tutto il possibile su questa faccenda.

  2. Lo scrivo con profonda amarezza e profondo schivo: non saranno presidenti della repubblica, ammiragli, ambasciatori, politici a salvare il Nostro onore. sarà un semplice fuciliere

  3. Lasciamo che l’India parli di giustizia e dia lezioni a noi! Una nazione in cui lasciare che bambine vengano prima stuprate e poi uccise è ormai una quotidianità che non indigna nessuno dei loro giudici, poliziotti e governanti!!
    Ho un’unica amara considerazione, i nostri tutori della giustizia, i nostri diplomatici ed i nostri politicanti ….. un ammasso di sanguisughe incapaci ed inetti
    Gli incivili ci mangiano in testa e questi due soldati italiani lasciati marcire tra un popolo di barbari.
    Mi vergogno di essere italiana.

  4. Una vergognosa, insopportabile vicenda. Impossibile che il governo italiano non sappia cosa successe realmente quel giorno, non può non sapere………..E nonostante molti elementi esposti nella puntata di “Mezzi Toni” dedicata ai Marò dimostrino la totale estraneità ai fatti che causarono la morte dei due pescatori, si preferisce che una Nazione venga derisa ed umiliata…..Al termine di questa indecente vicenda occorerà fare chiarezza, non si potrà far finta di niente…chi ha sbagliato deve pagare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *